suedtiroler-krebshilfe-jenn-evelyn-ann-112980-unsplash

Assemblea Generale dei soci 2019

06/04/2019

RADICI FORTI, PER RIFIORIRE

Da 38 anni l'Assistenza Tumori Alto Adige è un partner importante nell'accompagnare i malati di cancro e i loro familiari. Nel corso dell’assemblea dei soci del 6 aprile è stata presentata una retrospettiva dell’anno passato 2018. Chiaramente dimostra che: la necessità di sostegno è in continuo aumento.

“Radici forti, per rifiorire” sotto questo motto si è tenuta l’Assemblea generale dei soci dell’Assistenza Tumori Alto Adige del 6 aprile. Come ogni anno è stata presentata la retrospettiva sulle vaste attività dell’associazione. “Da sempre l’Assistenza Tumori si è posta il compito di dare coraggio e speranza ai malati di tumore attraverso una vasta gamma di servizi, prestazioni, aiuti finanziari, informazioni o diverse altre attività: come un albero ben radicato, l’associazione è in grado di accogliere, consultare, accompagnare e assistere non solo i malati ma anche i loro familiari dando nuova speranza e forza di vivere” spiega la presidente Ida Schacher.
La deputata alla camera On. Renate Gebhard ha presieduto l’assemblea e nel suo discorso iniziale ha ringraziato l’associazione per il suo impegno. Anche l’assessore Waltraud Deeg e il consigliere per le politiche sociali del Comune di Bolzano Juri Andriollo erano presenti all’assemblea e hanno elogiato il lavoro svolto dell’Associazione. Assente giustificato l’assessore alla sanità Thomas Widmann.

9.945 soci – ampia relazione delle attività

In Alto Adige ogni anno si ammalano ca. 2.000 persone di tumore. Una diagnosi che mette sottosopra la vita non solo dell’ammalato ma di tutta la famiglia, degli amici e dei conoscenti.
La necessità di un’associazione come l’Assistenza Tumori si vede nel numero crescente degli associati. Al 31.12.2018 contiamo complessivamente 9.945 soci iscritti così suddivisi: n. 3.462 soci ordinari malati e n. 6.483 soci sostenitori. Rispetto all’anno precedente abbiamo un incremento di n. 83 soci ordinari e di 95 soci sostenitori, corrispondente ad un incremento complessivo di n. 178 soci.
Durante il trascorso anno ca. 3.000 soci malati hanno usufruito dei diversi servizi e partecipato alle varie attività dell’associazione. 835 pazienti hanno partecipato a diversi corsi ed ergoterapie per un totale di 1.300 ore. Ma non solo i malati hanno approfittato della vasta gamma di servizi offerti dall’associazione come corsi, incontri, gite, serate informative e manifestazioni di vario genere, anche soci sostenitori, amici e familiari hanno dimostrato il loro interesse.
Un sostegno importante forniscono i sette circondari/sezioni dando prime informazioni ai soci, aiutando nella burocrazia ma anche nelle “piccole” cose quotidiane, dando al paziente la certezza di non essere abbandonato a se stesso.
Inoltre l’associazione più volte all’anno offre campagne di sensibilizzazione e d’informazione su diverse tematiche in correlazione alla prevenzione, alla diagnosi precoce ed alla terapia: così in occasione della giornata mondiale contro il cancro è stata presentata una campagna radio con la quale i medici altoatesini hanno sensibilizzato la popolazione a partecipare ai programmi di screening ed alla diagnosi precoce.

Aiuti finanziari per i malati

Le richieste di aiuti finanziari sono in crescita di anno in anno, così come i casi per le situazioni economiche precarie. Nel 2018 sono stati erogati a 1.154 pazienti aiuti finanziari urgenti per un totale di € 250.000,00 con fondi derivanti quasi esclusivamente da donazioni.
49 provvedimenti d’emergenza sono stati portati avanti in collaborazione con „Südtirol Hilft - Alto Adige aiuta“ per un totale di € 217.873,00.
“Di anno in anno le richieste di sostegno finanziario sono in aumento e per questo è stato istituito un ulteriore fondo di emergenza per i soci malati per poter far fronte in futuro alle numerose richieste di aiuto” spiega la presidente Ida Schacher.
I contributi pubblici vengono usati per la copertura delle spese amministrative dell’associazione, garantendo così l’utilizzo completo e diretto delle donazioni a favore dei soci più bisognosi – spiega Ida Schacher presidente provinciale dell’associazione.

Progetti particolari

Lo scorso anno è stato caratterizzato anche da una serie di attività, progetti ed eventi speciali. Il progetto “Raperonzolo” di Evi Weger in collaborazione con l’associazione Assistenza Tumori è iniziato nel 2018 con l’intento di sensibilizzare la popolazione a donare i propri capelli. Donare i capelli per poter realizzare parrucche di alta qualità e aiutare così le persone ammalate di tumore nel loro acquisto.
Si possono inviare o consegnare i propri capelli ai parrucchieri che partecipano al progetto. I parrucchieri che attualmente aderiscono al progetto sono “Haarstudio Mayr” di Brunico e il salone “fantasy – hair und beauty” a Terlano; entrambi raccolgono i capelli donati e li inviano a dei produttori di parrucche in Germania. L’associazione riceve una somma per ogni treccia e investe l’importo per l’acquisto di parrucche per le proprie associate colpite da un tumore. Le parrucche realizzate con capelli veri e che abbiano un aspetto naturale, sono infatti molto care.
Inoltre l’ATAA ha organizzato numerosi eventi in cui esperti rinomati hanno fornito informazioni su tutti gli aspetti del cancro: dai nuovi approcci di ricerca cura e terapia, fino alle possibilità di prevenzione. “Particolarmente grati siamo anche alle numerose associazioni, ai volontari e alle aziende che hanno contribuito con eventi di beneficenza alla raccolta di fondi per i malati” spiega Ida Schacher presidente dell’ATAA.
Che si tratti dell’azione “Primule” organizzata dalle donne SVP, dell’azione “Una Rosa per la Vita” o diverse corse di beneficenza – l’associazione Assistenza Tumori Alto Adige può contare su un ampio sostegno della popolazione, ciò significa a sua volta che la tematica del cancro colpisce indirettamente o direttamente tante persone nella nostra provincia e che l’Assistenza Tumori Alto Adige anche in futuro sarà un partner importante per i malati e le loro famiglie.

L’Assistenza Tumori Alto Adige in cifre

9.945 soci
7 circondari/sezioni
21 dipendenti
72 volontari
1.300 ore diverse attività (corsi, ergoterapie)
8.581 ore di linfodrenaggio
1.154 aiuti finanziari a soci in condizioni economiche precarie

loader
«Non bisogna cercare dì guarire gli occhi senza la testa né la testa senza il corpo, così come il corpo senza l'anima. Se il tutto non sta bene, è impossibile che la parte stia bene; bisogna dunque curare l'anima in primo luogo e in massimo grado, se vuoi che anche le condizioni della testa e del resto del corpo siano buone.»
Platone
Ha domande?
Si metta in contatto con noi.
Richiesta in corso...
whatsapp